.
.

Sfondo immagine

Che cos'è l'intelligenza

Diamo noi una definizione che non per forza debba coincidere con quella classica, nel caso che ce ne sia una che la definisca correttamente.

L'intelligenza è la capacità di dare una soluzione ai problemi posti.

Evidenziamo il fatto che non c'è nessuna indicazione riguardo il tipo di problema o il tempo necessario a risolverlo. Di questo ce ne occuperemo più in là.

Da questo si deduce che non solo i problemi complessi che riesce a risolvere un uomo facciano parte della sfera dell'intelligenza, ma anche un animale che cerca un modo per afferrare la sua preda è intelligente. Hanno gradi diversi d'intelligenza, ma anche gli animali sono intelligenti.

Visto che la natura dei problemi può essere varia, esiste un'unica intelligenza per tutte?

I problemi possono essere suddivisi in base al TIPO d'informazione che trattano.

Ogni TIPO d'informazione richiede un senso/recettore capace (capacità) di acquisirla e tradurla in un formato atto ad essere elaborato, questo fa si che:

Ogni TIPO d'informazione richiede una capacità specifica.

Elenchiamo alcuni tipi d'informazione:

  1. riconoscimento immagini (vista);
  2. analisi suoni (udito);
  3. riconoscimento odori (olfatto);
  4. consistenza della materia (tatto);
  5. tipo di materiale (gusto);
  6. temperatura (sensori sotto la pelle);
  7. ecc.

Esistono problemi che l'uomo non può risolvere con le sue sole capacità?

Si! l'uomo NON può risolvere direttamente tutti quei problemi che si presentano con un tipo d'informazione che non riesce a percepire, in quanto gli mancano i sensi/recettori per acquisire l'informazione.

Per percepire tali informazione, l'uomo ha sviluppato dei recettori/strumenti artificiali che gli permettono di percepirla, ad esempio:

  1. il magnetismo;
  2. le onde radio, infrarosse, ultraviolette, raggi X e gamma;
  3. ecc.

Quale unità di misura possiamo utilizzare per i problemi che hanno molte soluzioni accettabili?

Rendimento (valori da 0% a 100%):

Rend = [1 - (Ottenuto - Ottimo) / Ottimo] * 100

L'unità di misura è un valore in percentuale. Ha un andamento non lineare in quanto, due rendimenti con differenze anche piccole (90% con 95%), indicano notevoli differenze di capacità intellettive.

Quale unità di misura possiamo utilizzare per i problemi che hanno una sola soluzione?

Velocità (valori da 0 a infinito):

Veloc = problema / t;
t: tempo espresso in secondi;

Se la soluzione ottenuta con IMult è uguale per entrambi gli esseri, si rientra nei problemi a soluzione unica, e si utilizza la formula per ISing.

Questo equivale anche a dire, che: fissato un tempo massimo, chi riesce a risolvere più problemi correttamente in un dato tempo è più intelligente. Questo è il metodo per calcolare il classico QI (Quoziente d'intelligenza).

Come facciamo a capire chi è più intelligente?

Questa domanda ha due risposte:

  1. Se il problema posto ammette solo una soluzione; l'essere che lo risolve in meno tempo (Velocità) è più intelligente dell'altro.
  2. Se il problema ammette tante soluzioni diverse; l'essere che lo risolve con il maggior Rendimento è più intelligente.

Questo perché, trovare soluzioni in minor tempo o ottimali (rendimento) richiede un maggior sforzo di elaborazione che hanno o sono capaci le persone maggiormente intelligenti.

Come possiamo aumentare l'intelligenza?

  1. Aumentando la memoria: o sfruttando tecniche di memorizzazione.
  2. Aumentando le informazioni: la conoscenza è intelligenza stratificata.
  3. Aumentando gli algoritmi: un bagaglio ampio di algoritmi facilita la ricerca delle soluzioni.
  4. Aumentando la velocità di elaborazione: non distraendosi e rimanendo concentrati sul problema.

Tutte queste capacità è possibile attuarle con dell'hardware e del software.

Questo vuol dire che ai robot (hardware + computer + software) del futuro, non mancheranno gli ingredienti per poter essere anche più intelligenti dell'uomo. I robot protrebbero diventare molto pericolosi, in quanto: con la sola intelligenza e senza umanità, potrebbero trovare modi molto efficienti di eliminare la razza umana.